Turismo e tecnologia: per un Hotel quanto sono appetibili le App?

Quando un turista ancora in potenza, un viaggiatore ancora intento a costruire il proprio viaggio e a selezionare tra le sue mille intenzioni ciò che davvero farà, è occupato a cercare notizie sull’albergo che lo ospiterà nel corso delle sue vacanze in che modo vuole informarsi online di un hotel?

Avere un sito internet è diventato per ogni struttura ricettiva qualcosa di ormai praticamente imprescindibile, un requisito fondamentale per non affondare sotto i colpi della concorrenza ma vale lo stesso per le App?

Il dilemma di fronte a cui sempre più alberghi si trovano riguarda proprio l’adottare o no una propriaApplicazione: vediamo insieme di redimere questo dubbio.

Quello che i turisti vogliono

Cercare un hotel online è un’operazione che prevede certe mosse. C’è la ricerca del sito internet dell’hotel in questione, la caccia al profilo social per scoprire come chi cura su internet l’immagine dell’albergo si rapporta con i clienti e, magari, ci si ritrova anche a spulciare le recensioni che altri turisti (si spera nel modo più trasparente possibile) hanno lasciato in precedenza. In questo tipo di domanda che riscontro può quindi trovare un’offerta di App legate alle strutture ricettive?

Spesso chi sta progettando un viaggio quando sceglie di scaricare un’applicazione “turistica” predilige applicazioni in grado di consentirgli di avere una panoramica il più possibile completa sulle offerte del mercato.

A dominare questo segmento di mercato sono quindi le App che forniscono liste di alberghi e non focalizzate su un’unica struttura.

Ma per gli hotel che desiderano un’App “personalizzata” la via giusta per ritagliarsi una fetta di clienti potrebbe comunque esserci. Il segreto è sempre uno: distinguersi.

Occorre dare ai viaggiatori un valido motivo per scaricare sul proprio smartphone un’applicazioneinvece di visitare il sito dell’hotel in questione e il valido motivo può essere rappresentato da un arricchimento dei servizi.

Se la App semplifica la vita al turista e gli permette di realizzare con più facilità diverse operazioni come, per esempio, i passaggi necessari per prenotare una camera, o se riesce comunque a regalare al potenziale cliente informazioni sempre fresche, aggiornate e a portata di indice sullo schermo, come sulla destinazione, gli eventi sul territorio o altre utilità per il viaggiatore, allora ecco che quell’App migliora davvero l’esperienza dell’utente.

Tecnologia, ma quanto mi costi?

Ogni albergo non solo ha un suo target, un identikit di clientela tipo, ma anche obiettivi da perseguire in maniera coerente con il proprio budget.

Le applicazioni per hotel sono un mercato ancora tutto da esplorare e anche il loro costo è molto variabile in quanto influenzato da diversi fattori: la maggior parte delle strutture ricettive potrebbe quindi permettersi un’App data la varietà del listino prezzi.

Ma spendere tra, all’incirca, i due e i dieci mila euro per un’App può essere un buon investimento per un’App quando l’applicazione è sfruttata appieno e quando sbarcare anche nel mondo delle applicazioni con la propria attività non è una scelta dettata solo dalla voglia di essere presenti perché “è sempre meglio esserci” ma una decisione ponderata e figlia di una precisa strategia.